Community » Forum » Recensioni

Continua a camminare
0 1
CLIMA, Gabriele

Continua a camminare

Milano : Feltrinelli, 2017

Abstract: Una ragazzina cammina sotto miriadi di stelle in una pianura sterminata, diretta verso un campo militare. Sotto il niqab indossa una cintura esplosiva. Nello stesso momento, un ragazzino cammina nel deserto. Come talismano ha un libro di poesie appartenuto al fratello. Scappa dalla guerra, vuole arrivare in Europa. Siamo nella Siria occupata dagli uomini di Daesh. È qui che vivono Salim e Fatma, che alternano le loro voci per raccontare la propria storia. Salim ha tredici anni, è coraggioso e testardo, e ha visto morire suo fratello sotto le bombe mentre entrambi erano impegnati a recuperare i libri dagli edifìci sventrati. Il fratello era convinto che solo i libri possano fermare i kalashnikov, perché se salvi i libri salvi la tua anima, e il tuo paese, ma la guerra se l'è preso. Anche Fatma ha tredici anni e i suoi occhi dolci come il velluto cercano la bellezza in una città fatta di polvere e macerie. Anche lei prova un amore incondizionato per il fratello, che però è un fanatico del Califfato. E lui a convincerla a sacrificarsi per la gloria di Dio. Fatma e Salim camminano, quella notte, lei verso la morte, lui verso una nuova vita.

23 Visite, 1 Messaggi

Recensione della redazione di BBRagazzi
"Continua a camminare" è una storia raccontata a capitoli alterni e in prima persona da due voci, quella maschile di Salìm e quella femminile di Fatma, due ragazzi tredicenni le cui storie rappresentano due modi diversi di vivere una realtà come quella della guerra in Siria, precisamente a Raqqa, durante il regime dell'Isis.
L'autore si è ispirato alla realtà per scrivere questo libro, ha voluto romanzare intrecciandole due storie vere che lo hanno molto colpito: la storia di Abu Malek, che salva i libri dalle case bombardate per ridare storia e anima alla propria gente, e quella di Spozhmay, spinta dai propri familiari a un'azione kamikaze in un posto di controllo a sud-ovest di Kabul. Nel libro Salim è il fratello di Abèd, che perde la vita cercando di salvare i libri dalle case, e Fatma è la ragazza a cui viene fatta indossare dal padre e dal fratello Khalid la cintura di esplosivo come importante missione religiosa.
In un libro che racconta i pensieri e le emozioni di ragazzi costretti a vivere in un paese violento è interessante la presenza all'inizio di ogni capitolo di una poesia: è la voce dei poeti contemporanei che alle bombe oppongono le loro parole in versi, la bellezza contro la distruzione della guerra.
Ma che cosa ci fa sulla copertina l'immagine di un sciacallo mentre dietro di lui una persona di spalle continua a camminare? E' Salìm o Fatma? E dove sta andando?

  • «
  • 1
  • »

724 Messaggi in 712 Discussioni di 79 utenti

Attualmente online: Ci sono 34 utenti online