Sera in paradiso
0 0
Risorsa locale

Berlin, Lucia

Sera in paradiso

Abstract: "Non c'è niente di scontato, niente che si sia già letto da qualche altra parte, nell'opera di Lucia Berlin. Questi racconti lasciano a bocca aperta."Corriere della Sera - Antonio Debenedetti"Storie di una vita difficile che la protagonista ha saputo raccontare con il dono stupendo della sua scrittura semplice, feroce, dolcissima."Elle - Natalia Aspesi"Un libro sontuoso, stracolmo di meraviglie, vale la pena tenerlo vicino al comodino e leggerlo lentamente, una storia ogni tanto. Centellinarlo come una cosa buonissima."D - la Repubblica - Elena Stancanelli"Arriva al nucleo semplice delle cose, alla verità più pulita. Una scrittrice immensa."il Fatto Quotidiano - Caterina Bonvicini"Lucia Berlin è una fuoriclasse… e non ha paura di niente. Incomparabile? Forse."ttL - la Stampa - Masolino D'amico"Storie che portano un po' di luce nella buia e profonda notte dell'anima."Sette - Corriere della Sera - Antonio D'Orrico"Lucia Berlin ci arriva luminosa come una di quelle stelle brillanti in realtà sparite da tempo."la Repubblica - Irene BignardiStorie di luoghi, di paesaggi, dell'intero continente americano, di donne, di bambini e di uomini. Storie che raccontano un temporale, un'alluvione, un incendio, una notte magica. Storie di vicinato difficile, di profughi siriani, di messicani poveri e di americani ricchi o viceversa, di musicisti e di alcolisti, di corride e di fiestas, di attrici e di gigolo. Storie che, come quelle di La donna che scriveva racconti, evocano momenti della vita di un'autrice fuori dall'ordinario. Storie di amore, di malinconia, di piccoli e grandi drammi, di gioie inaspettate, di cambiamenti improvvisi, e una prosa impossibile da catalogare. Le svolte impreviste, i rapidi mutamenti di tono, i passaggi dal riso al pianto, dall'ostilità alla commozione, dalla disperazione alla felicità, il lamento prolungato che svanisce all'improvviso, ricordano la musica jazz. Una prosa che diventa dura, sobria e riservata, quasi distaccata, proprio nel rendere situazioni che una scrittrice meno efficace e sincera vestirebbe di emotività.Trasmettere l'intera gamma dei sentimenti senza mai scadere nel cinismo o nella banalità richiede un talento raro, e Lucia Berlin lo possiede. Storie di malattia, di morte imminente, di delirio alcolico, di assuefazione e di crisi di astinenza, sono raccontate con un'empatia controllata che inchioda il lettore alla pagina. Accenti comici, umoristici, leggeri, vengono spesso riservati a situazioni di degrado, sopruso, a personaggi che riescono a non essere mai del tutto negativi. Come se Berlin conoscesse a fondo ogni risvolto del comportamento umano, ogni sfaccettatura della sofferenza come della gioia, della cattiveria come della generosità, e le raccontasse con l'indulgenza di chi le ha sperimentate.


Titolo e contributi: Sera in paradiso

Pubblicazione: Bollati Boringhieri

EAN: 9788833930398

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: PDF/EPUB con DRM Adobe

Nomi:

"Non c'è niente di scontato, niente che si sia già letto da qualche altra parte, nell'opera di Lucia Berlin. Questi racconti lasciano a bocca aperta."Corriere della Sera - Antonio Debenedetti"Storie di una vita difficile che la protagonista ha saputo raccontare con il dono stupendo della sua scrittura semplice, feroce, dolcissima."Elle - Natalia Aspesi"Un libro sontuoso, stracolmo di meraviglie, vale la pena tenerlo vicino al comodino e leggerlo lentamente, una storia ogni tanto. Centellinarlo come una cosa buonissima."D - la Repubblica - Elena Stancanelli"Arriva al nucleo semplice delle cose, alla verità più pulita. Una scrittrice immensa."il Fatto Quotidiano - Caterina Bonvicini"Lucia Berlin è una fuoriclasse… e non ha paura di niente. Incomparabile? Forse."ttL - la Stampa - Masolino D'amico"Storie che portano un po' di luce nella buia e profonda notte dell'anima."Sette - Corriere della Sera - Antonio D'Orrico"Lucia Berlin ci arriva luminosa come una di quelle stelle brillanti in realtà sparite da tempo."la Repubblica - Irene BignardiStorie di luoghi, di paesaggi, dell'intero continente americano, di donne, di bambini e di uomini. Storie che raccontano un temporale, un'alluvione, un incendio, una notte magica. Storie di vicinato difficile, di profughi siriani, di messicani poveri e di americani ricchi o viceversa, di musicisti e di alcolisti, di corride e di fiestas, di attrici e di gigolo. Storie che, come quelle di La donna che scriveva racconti, evocano momenti della vita di un'autrice fuori dall'ordinario. Storie di amore, di malinconia, di piccoli e grandi drammi, di gioie inaspettate, di cambiamenti improvvisi, e una prosa impossibile da catalogare. Le svolte impreviste, i rapidi mutamenti di tono, i passaggi dal riso al pianto, dall'ostilità alla commozione, dalla disperazione alla felicità, il lamento prolungato che svanisce all'improvviso, ricordano la musica jazz. Una prosa che diventa dura, sobria e riservata, quasi distaccata, proprio nel rendere situazioni che una scrittrice meno efficace e sincera vestirebbe di emotività.Trasmettere l'intera gamma dei sentimenti senza mai scadere nel cinismo o nella banalità richiede un talento raro, e Lucia Berlin lo possiede. Storie di malattia, di morte imminente, di delirio alcolico, di assuefazione e di crisi di astinenza, sono raccontate con un'empatia controllata che inchioda il lettore alla pagina. Accenti comici, umoristici, leggeri, vengono spesso riservati a situazioni di degrado, sopruso, a personaggi che riescono a non essere mai del tutto negativi. Come se Berlin conoscesse a fondo ogni risvolto del comportamento umano, ogni sfaccettatura della sofferenza come della gioia, della cattiveria come della generosità, e le raccontasse con l'indulgenza di chi le ha sperimentate.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.