Scolpitelo nel vostro cuore
0 1
Materiale linguistico moderno

SEGRE, Liliana

Scolpitelo nel vostro cuore

Abstract: "La memoria di Liliana Segre cerca il suo approdo nel presente. Le sue parole lo svelano: racconta di se stessa in guerra come una profuga, una clandestina, una rifugiata, una schiava lavoratrice. Usa espressioni della nostra contemporaneità affinché la testimonianza del passato sia un ponte per parlare dell'oggi. Qui e ora. E, interrogando il presente, Liliana indica quel futuro che solo i ragazzi in ascolto potranno, senza indifferenza e senza odio, disegnare, inventare, affermare." (dall'Introduzione di Daniela Palumbo)


Titolo e contributi: Scolpitelo nel vostro cuore / Liliana Segre ; a cura di Daniela Palumbo

Pubblicazione: Milano : Piemme, 2018

Descrizione fisica: 105 p. ; 18 cm

ISBN: 9788856667547

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Curatore [Editor]) (Autore)

Soggetti:

Classi: 940.53 STORIA. Storia d'Europa. Seconda guerra mondiale, 1939-1945 (14)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Target: ragazzi, età 11-15
Testi (105)
  • Genere: saggi

Sono presenti 9 copie, di cui 6 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Barlassina R 940.53 SEG 1001-44612 Su scaffale Prestabile
Cesano Maderno R 940.53 SEG C-71105 In prestito 05/02/2019
Desio SHOAH NR SEG SCO D-118411 In prestito 13/02/2019
Lissone R 940.53 SEG SCO LS1-143172 In prestito 13/02/2019
Monza Ragazzi R 940.53 SEG SCO MZ2-384668 In prestito
Monza Triante R 940.53 SEG SCO MZ7-380510 In catalogazione Non disponibile
Macherio R 940.53 SEG SEG MAC-32668 In prestito 05/02/2019
Giussano R 940.53 SEG 1090-67046 In catalogazione Non disponibile
Limbiate R 940.53 SEG LI-83081 In prestito 06/02/2019
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Recensione della redazione di BBRagazzi
Gennaio 1944, Liliana e suo padre vengono portati al binario 21 della stazione Centrale di Milano. Da quel binario sotterraneo, da dove partono le merci e il bestiame verso una destinazione ignota: il primo passo verso l'annientamento degli ebrei. Dopo una settimana di viaggio arrivano ad Auschwitz e una prima drastica selezione viene attuata : chi tenere come schiavo ai lavori forzati e chi mandare alle camera a gas. Divisi tra uomini e donne , Liliana e suo padre vengono separati , le loro mani allontanate e, pian piano, si perdono di vista: Liliana non lo rivedrà mai più.
"...Nessuno dei due voleva far vedere la disperazione dell'altro, soprattutto io. Al'inizio lo salutavo da lontano, ma poi lui scomparve dalla mia vista, lo cercati tanto, ma non lo vedevo più. Quel ricordo è eterno dentro di me. La spianata bianza come la neve. Udire quel comando: uomini a destra e donne a sinistra. Io che perdo la mano di mio padre. Fu il mio ultimo istante con lui".

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.