Maschi contro femmine
0 1
Libri Moderni

Vecchini, Silvia

Maschi contro femmine

Abstract: Da quando è arrivata Zoe, a Giovanni sembra che il mondo vada alla rovescia. A scuola non si capisce più cosa sia da maschi e cosa da femmine. Eppure le Regole Supreme parlano chiaro: un maschio non deve mai fare una cosa da femmine e viceversa! Quella ragazzina non ha proprio capito che in classe è guerra aperta! Età di lettura: da 7 anni.


Titolo e contributi: Maschi contro femmine / Silvia Vecchini ; illustrazioni di Sualzo

Pubblicazione: Milano : Oscar Mondadori, 2015

Descrizione fisica: 154 p. : ill. ; 19 cm

Serie: Oscar primi junior

ISBN: 9788804752080

Data:2022

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Libro ad alta leggibilità, font leggimi

Nomi: (Autore) (Illustratore)

Classi: 853 LETTERATURA. Letteratura italiana. Narrativa (14) 853.9 LETTERATURA. Letteratura italiana. Narrativa. 1900- (22) LIBRI PER DISLESSICI (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2022
  • Target: elementari, età 6-10
Testi (105)
  • Genere: fiction
Forma del documento (106)
  • Forma del documento: alta leggibilità

Sono presenti 3 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Seveso NR VECC 1000-68342 Su scaffale Disponibile
Muggiò R VEC MAS M-73471 Su scaffale Disponibile
Polo Depositi e Fondi speciali DLR B 2210 DLR-19074 Su scaffale Consultazione locale
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Giovanni, io narrante della vicenda, è un bambino di nove anni che frequenta una scuola nella quale è radicata una profonda separazione (e ostilità) tra maschi e femmine. Il due gruppi si fronteggiano in una gara a chi totalizza ogni settimana più punti (arrivando a scuola con più anticipo, prendendo i voti più belli, ma anche quelli più brutti, facendo più presenze o più assenze, posizionandosi come capofila all’entrata e all’uscita dalla classe…); vigono poi tre regole supreme: per i maschi “mai fare una cosa da femmina, mai scambiare più di due parole con una femmina, mai condividere niente con una femmina”… e naturalmente viceversa, se si è femmine, nei confronti dei maschi.
I due gruppi hanno perciò ben chiaro quali siano gli atteggiamenti e le attività riservati ai maschi e quali quelli riservati alle femmine… fino a quando Zoe, una nuova alunna arrivata ad anno scolastico già iniziato, non mette tutto in discussione: porta infatti un attrezzo che parrebbe riservato ai maschi (un vortex), ma in realtà piace molto anche alle femmine, che si rivelano anche perfettamente abili nel lanciarlo.
La vicenda ha una svolta decisiva quando accade un fatto increscioso nella scuola: una mattina alunni e docenti si trovano fuori dal cancello, che resta a lungo chiuso per il tardare del bidello Alfredo; il campo esterno all’edificio, attrezzato per la ricreazione, si presenta poi completamente distrutto: le porte per il gioco del calcio divelte, il terreno dissestato, una cisterna d’acqua rovesciata. I sospetti (dato che la Dirigenza della scuola aveva deciso di trasformare il campo-ricreazione in un giardino inglese con erba non calpestabile) ricadono, più che su ogni altro, sulle femmine più attive e i maschi più bellicosi, ma è chiaro che non si potranno prendere severi provvedimenti, fino a quando non saranno smascherati gli autori del misfatto. La maestra della classe di Giovanni e Zoe decide però (finalmente) di por fine alle ostilità tra maschi e femmine con una decisione storica: assegna a delle coppie, costituite tutte da un maschio e da una femmina, come compito a casa, lo svolgimento di una ricerca a tema libero. Giovanni e Zoe decidono di indagare “attorno al danneggiamento dello spazio antistante la scuola” (ma tengono segreto il loro titolo, fino al giorno in cui dovranno relazionare alla maestra e alla classe).
Il seguito del libro è un appassionante giallo, con soluzione a sorpresa. La conquista di tutti è però soprattutto la fine delle ostilità tra maschi e femmine, il nascere di una sincera diffusa cordialità nell’intera scuola, lo sbocciare di vere amicizie tra esponenti dei due gruppi un tempo in lotta, come accade tra Giovanni e Zoe.
Maschi contro femmine è un appassionante libro anzitutto per bambini e ragazzi, ma ha certo molto da insegnare anche ai grandi, specialmente se educatori, genitori o nonni.
(Gregorio Curto – 2024-01-05)

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.